Cataratta

La cataratta si realizza quando il cristallino, la lente naturale dell’occhio che permette il passaggio della luce, progressivamente perde trasparenza determinando un calo della visione e con esso una deterioramento della qualità della vita.

La causa principale è l’invecchiamento

ma può essere secondaria a varie patologie sistemiche tra cui il diabete e si può associare ad altre patologie oculari quali il glaucoma, la miopia elevata o a patologie eredo-degenerative (retinite pigmentosa). In alcuni casi può essere congenita.

Trattamento

Procedura

Post-intervento

Scelta Lenti

Trattamento

catarattacircle2

L’unico trattamento è l’intervento. Diversamente da quello che sono le credenze popolari (la cataratta deve essere matura) la chirurgia della cataratta oggi si tende ad anticipare

“in modo da rendere la stessa più semplice e da migliorare prima la qualità di vita del paziente.

Procedura

La chirurgia si realizza in regime ambulatoriale, nella maggior parte dei casi in anestesia topica (solo con collirio anestetico) e con un procedimento conosciuto come facoemulsificazione.

” Alla fine della procedura si impianta la lente intraoculare le cui caratteristiche sono scelte in base all’occhio del paziente.

Post-intervento

neurocerchio

Normalmente si impianta una lente monofocale e quindi il paziente può scegliere di vedere bene per lontano senza lenti ma da vicino dovrà portare gli occhiali (da lettura o i progressivi).

Chi è abituato a leggere senza lenti e a portare gli occhiali per lontano, soprattutto miopi elevati, può scegliere di restare lievemente miope (circa -2.50/-3) in modo da portare gli occhiali per lontano e da leggere per vicino senza lenti.

Scelta lenti

Attraverso la scelta delle IOL PREMIUM TORICHE si può correggere l’astigmatismo elevato associato all’ipermetropia o alla miopia. La scelta di IOL PREMIUM MULTIFOCALI può correggere nello stesso momento la miopia, l’ipermetropia, l’astigmatismo e la presbiopia.

“Il paziente potrebbe quindi liberarsi in maniera definitiva e per il 90% del suo tempo dall’uso degli occhiali sia per lontano sia per vicino.